Parambassis wolffii.

Duskyfin Glassy Perchlet

Presenta un corpo romboidale, molto compresso lateralmente; la testa è relativamente piccola ed appuntita, raccordata da una fronte leggermente concava e da una gola leggermente convessa; l'occhio è grande; la bocca, posta in posizione terminale e orientata verso l'alto, è grande ed articolata; l'opercolo branchiale è molto grande e presenta un preopercolo articolato; il peduncolo caudale è stretto e corto; nota molto curiosa: le carni del Parambassis wolffii sono quasi completamente trasparenti e lasciano vedere lo scheletro, gli organi interni del pesce e la vescica natatoria; questo fenomeno è presente solo quando il pesce è vivo, infatti, dopo la morte, diventano rapidamente grigie come quelle degli altri pesci.
La pinna dorsale è nettamente divisa in due pinnule precedute da una spina rigida singola separata; la prima pinnula, sostenuta da 6 spine rigide di lunghezza decrescente, ha una forma triangolare ed è posta al centro del dorso; la seconda pinnula, di forma trapezoidale e sostenuta da una spina rigida e da 11 o 12 raggi molli ramificati, termina con un piccolo lobo posteriore che sfiora il peduncolo caudale; la pinna anale, di forma trapezoidale e sostenuta a sua volta da 3 spine rigide e da 13 raggi molli ramificati, ha le prime 2 spine rigide parzialmente ricopete dalla membrana interradiale (la seconda delle spine rigide è notevolmente allungata) e si estende su tutta la parte posteriore del ventre e termina con un piccolo lobo posteriore; la pinna caudale, dalla forma trapezoidale molto larga, ha il margine posteriore fortemente inciso e diviso in due lobi dagli apici arrotondati; le pinne ventrali, triangolari, sono poste a metà della parte anteriore del ventre; le pinne pettorali, larghe e di forma trapezoidale, sono poste appena dopo l'opercolo branchiale.
La livrea è molto particolare, quasi completamente trasparente; le uniche note di colore sono date da alcune leggere righe trasversali scure, dai riflessi dorati, presenti sulla testa, sulla vescica natatoria e sulla colonna vertebrale, e dal bordo turchese delle pinne; appena dietro la testa è presente una fascia formata da piccolissimi puntini scuri; l'iride è attraversato verticalmente da una barra scura.

Comportamento

In natura vivono sia in acqua dolce a basso fondale (ad esempio nelle risaie) sia nelle acque salmastre delle zone paludari d’estuario. Preferiscono le aree densamente piantumate dove adora tendere agguati alle sue prede.
E' un pesce timido, calmo e pacifico, ama vivere in banchi numerosi. All’interno del branco si notano spesso innocue scaramucce tra i maschi finalizzate a definire la gerarchia del gruppo.


Allevamento

Il setup ideale è un vasca da almeno 120x30x30cm cosi da poter ospitare un gruppo di almeno 6 esemplari.
Il fondo, composto prevalentemente da sabbia fine scura, color ambra o marrone, deve essere pesantemente piantumato in alcune zone della vasca. L'inserimento di piante galleggianti può aiutare a ridurre la timidezza del pesce.
Si possono inoltre introdurre rami e radici, facendo ben attenzione a non ridurre lo spazio libero per il nuoto. La filtrazione deve generare poca corrente; la luce deve essere soffusa. Per quanto riguarda la filtrazione in torba, questo dipende molto dalla zona d'origine del pesce e sopratutto se è di riproduzione o selvatico; si consiglia anche di effettuare regolarmente dei cambi parziali. E' un pesce molto robusto, una volta acclimatato, ma soffre molto la scarsità d'ossigeno in acqua.
Essendo un pesce predatore, si sconsiglia vivamente di introdurlo in vasche con individui più piccoli. I compagni di vasca ideali sono Gourami, Barbus di medie dimensioni, Pesci arcobaleno ecc.


Riproduzione

Il dimorfismo sessuale di questo pesce è sconosciuto. Si pensa che le femmine mature e pronte a deporre siano maggiormente gonfie sul ventre per via delle uova.
Non si hanno notizie di riproduzioni avvenute in acquario. Si pensa che in natura questi pesci, a seguito del corteggiament, depongano le uova su foglie e steli di piante sommerse. Questo dovrebbe avvenire verosimilmente nelle prime ore di luce del giorno, a seguito dell'innalzamento della temperatura dell'acqua.
Dopo la deposizione, il maschio si occuperà di ventilare e di tenere pulite le uova, scacciando la femmina dal sito di deposizione. Una volta che le larve saranno uscite dalle uova, il maschio le lascerà al loro destino.


Alimentazione

Questa è una specie predatrice. In natura si nutre di insetti, crostacei, anellidi e piccoli pesci. In acquario, sebbene di solito accetti cibi essiccati, questi non dovrebbero costituire la base della dieta. Offrire alimenti vivi come piccoli lombrichi, bloodworm, gamberi congelati e Artemia salina.


pH:

6.5 - 8.0

Durezza Totale:

8° - 20°dGH

Temperatura:

18°C - 25°C


 Dimensioni massime del pesce: 20cm

Acanthoperca wolffii,
Ambassis boulengeri,
Ambassis robustus,
Ambassis thomassi,
Ambassis wolffi,
Ambassis wolffii,
Chanda wolffi,
Chanda wolffii,
Chanda wolfi,
Chanda wolfii,
Parambassis wolffi.

Asia,
Questa specie è diffusa in Cambogia, Thailandia, Laos, Vietnam, Indonesia.

Vuoi realizzare un favoloso acquario?

Sei alla ricerca di consigli, indicazioni, o hai solo bisogno di confrontarti? Non esitare a contattarci!