Poecilia reticulata.

Guppy

I colori variano dai colori appariscenti e iridescenti di diverse forme irregolari a colori molto brillanti, il corpo piuttosto dritto, il profilo dorsale più curvato, le pinne dorsali sono arretrate, in entrambe i sessi tale pinna dorsale si trova al livello della pinna anale che rimane chiusa durante il nuoto e viene invece aperta durante il periodo del corteggiamento,la coda è solitamente drappeggiata e coloratissima e più o meno grande, si dice sia un corteggiatore instancabile. Sia nei maschi che nelle femmine la colorazione metallizzata sbiadisce o si ravviva a secondo dell’umore. Non hanno pinne adipose e la bocca è rivolta verso l’alto.

Comportamento

Endemica del Sud America, la Poecilia reticulata è un Poecilidae pacifico che popola un discreto range di habitat tra cui piccoli corsi d'acqua, laghi e paludi di mangrovie. Predilige occupare le zone più densamente piantumate, dove può trovare facilmente rifugio da eventuali predatori.
Convive molto tranquillamente con altri pesci non aggressivi. E’ da evitare l’inserimento con Barbus Tetrazona e Pterophyllum Scalare.


Allevamento

E' un poecilide relativamente facile da allevare poiché molto più sensibile ai cambiamenti nella chimica dell'acqua rispetto agli altri componenti della sua famiglia.
Le dimensioni della vasca devono essere minimo di 50 cm di larghezza per una sola coppia, ma essendo molto prolifici conviene inserirli in una vasca più grande con un maschio ogni 3\4 femmine, come precedentemente detto si adattano alle vasche di comunità con pesci di piccole dimensioni come i Corydoras nani, Ancistrus, Iriatherina Werneri, Pseudomugil o piccoli Tetra pacifici, è meglio evitare vasche che all’interno abbiano dei pesci più grandi e voraci e soprattutto dei Betta, dei Barbus e degli Scalari, questi vedendo la coda drappeggiata come i loro simili ed essendo molto territoriali, sono propensi a morsicarla pensando di essere in presenza di eventuali rivali. Mentre i maschi sono alquanto pacifici le femmine sono invece molto territoriali per questo motivo è meglio aumentare gli ospiti di sesso femminile, in modo da ridurre e distribuire meglio la loro aggressività. Se si vuole avere un vero e proprio allevamento è consigliata una vasca con solo esemplari della stessa specie. Questo pesce vive in banchi spesso numerosi con prevalenza di maschi giovani e pochi adulti.
Mentre le femmine durante il giorno passano il loro tempo a foraggiare il fondale in cerca di cibo, i maschi cercano invece l’accoppiamento perenne, infatti cercano di sollecitare le femmine con inseguimenti e parate vivacemente colorate.Sono una specie diurna e instancabili nuotatori dai movimenti spesso scattanti si consiglia un acquario non troppo contenuto. Per quanto riguarda l’allestimento della vasca, sono pesci che non hanno molte pretese, si parte da un substrato di colore scuro, tronchi di legno adagiati sul fondo e foglie secche per Ambrare l’acqua così da far risaltare i colori metallizzati, piante galleggianti e dalla crescita veloce, Cyperus, Najas, Ceratophyllum, ideali per schermare la luce, utili da rifugio per eventuali avannotti, in più, assimilando i nutrienti presenti nell’acqua aiuteranno a tenere entro i limiti i valori presenti nell’acquario, per quanto riguarda l’acqua diciamo che si adatta a qualsiasi valore, acqua dura, medio dura e acqua leggermente salata, tenere moderata l’alimentazione e effettuare ricambi d’acqua settimanalmente, dal 10% al 20%, a seconda dei valori dei nitrati presenti.
Se tenuti nelle migliori condizioni possono vivere sino a 5 anni.


Riproduzione

Esistono rilevanti differenze tra esemplari maschili e femminili.
Il maschio ha un corpo tozzo e la testa è piccola, ha ventre arrotondato e dorso curvo. La coda dorsale è ampia, la pinna caudale è arrotondata mentre quelle ventrali sono appuntite.
La pinna anale rappresenta anche l’organo sessuale (gonopodio). La livrea dai riflessi luminosi si presenta molto variopinta con macchie nere, arancioni, blu e verdi su fondo chiaro (nocciole, beige).
La femmina invece ha un corpo più affusolato ed è notevolmente più grande del maschio (quasi il doppio). Anche nella femmina il ventre è arrotondato mentre il dorso è meno incurvato.
Le pinne sono tondeggianti. Il colore della livrea femminile è molto meno sgargiante (grigio/beige/giallognolo).
Specie Ovovivipara, non formano coppie fisse ma si riproducono senza una regola fissa e in momenti di aggregazione del branco, la temperatura ottimale per garantire la riproduzione si aggira intorno ai 24°, le femmine producono le uova e le trattengono al loro interno sino a quando il maschio non inserisce il Gonocopio all’interno dell’ orefizio anale della femmina per fecondarle, la femmina trattiene al suo interno i piccoli fino a quando non si sarà assorbito completamente il sacco vitellino, il parto può durare da un ora ad un giorno intero, partoriscono avannotti già autonomi e sviluppati dei quali si disinteresseranno subito dopo la nascita, poiché appena avvenuto il parto la femmina è pronta per una nuova gravidanza.Il corteggiamento è lungo ed estenuante, comincia quando i maschi cominciano un lungo inseguimento ne quale fanno parate al cospetto delle femmine prescelte, mostrano i loro colori, inarcano la schiena verso l’alto, fremendo e dispiegando le pinne dorsali e caudali mantenendo la posizione spostandosi lateralmente.Se la femmina non gradirà tali parate il maschio, depresso e frustrato, cercherà comunque di inseguirla e fecondarla a tradimento, tattica che 99 volte su 100 fallisce miseramente.Se invece rimane estasiata da tali prestazioni permetterà al maschio di nuotare in modo sincronizzato e per un certo periodo di tempo sopra di lei, poi le si porrà al fianco e in una frazione di secondo avverrà la fecondazione. Come precedentemente detto meglio aumentare il numero di femmine per evitare lotte tra contendenti di sesso maschile e territorialità con molestie altamente vigorose tra il sesso femminile. La riproduzione avviene circa ogni 23-24 giorni e ogni femmina può partorire dai 5 ai 25 avannotti, il numero varia a seconda dell’età e delle dimensioni della femmina. Solitamente questa specie non mangia la propria prole ma in una vasca di comunità potrebbe succedere che vengano predati da altri ospiti, si consiglia una Nursery nella quale verrà inserita la femmina in prossimità del parto e dalla quale verrà rimossa dopo il parto. Gli avannotti come detto sono autonomi sin dalla nascita, misurano circa 6 millimetri, se alimentati 2-5 volte al giorno cresceranno molto più rapidamente, a causa di questo però rilasceranno molti rifiuti organici e quindi, sifonare il fondo e cambiare spesso l’acqua sarà necessario per evitare l’inquinamento della vasca, che potrebbe risultare letale per molti avannotti. Accettano i Naupli di Artemia e il cibo secco o in polvere, sin dai primi giorni di vita, i maschi presenteranno la tipica colorazione da adulti, già dopo le prime 3-5 settimane e arrivano alla maturità sessuale già al secondo mese d’età, mentre la femmina sarà in grado di riprodursi con successo, sin dal terzo mese d’età.


Alimentazione

Il Guppy è un pesce onnivoro, ovvero in grado di alimentarsi con una dieta varigata, dal mangime secco in scaglie al granulare (considerato le ridotte dimensioni di questa specie è bene utilizzare microgranulato).
Non disprezza poi le zucchine sbollentate e le artemie. Va nutrito almento un paio di volte al giorno (anche 3/4 volte) con quantitativi esigui.
Non bisogna mai sovralimentarli. In caso, è possibile far osservale loro un giorno di digiuno settimanale.


Il fatto che il Guppy matura presto, che è facile da riprodurre e che offre una svariata quantità di forme e colorazioni differenti, lo hanno fatto un pesce molto amato dai principianti.
Mai mettere assieme Guppy e Pesci Combattenti poiché questi ultimi potrebbero mordere le code e le pinne dei maschi.
pH:

7.0 - 8.5

Durezza Totale:

9° - 30°dGH

Temperatura:

18°C - 28°C


 Dimensioni massime del pesce femmina: 60mm
 Dimensioni massime del pesce maschio: 35mm

Lebistes reticulatus,
Acanthocephalus guppii,
Acanthocephalus reticulatus,
Girardinus guppii,
Girardinus petersi,
Girardinus poeciloides,
Girardinus reticulatus,
Haridichthys reticulatus,
Heterandria guppyi,
Lebistes poecilioides,
Poecilia poeciloides,
Poecilioides reticulatus.

Sud America,
molto presente in Venezuela, Brasile, Guyanas, Trinitad, Tobago, Barbados, nelle estensioni dei fiumi Natal, Kuruman Eye e nel lago Otjikoto.
Poi diffuso dall’uomo in diverse parti del mondo.

Vuoi realizzare un favoloso acquario?

Sei alla ricerca di consigli, indicazioni, o hai solo bisogno di confrontarti? Non esitare a contattarci!