Serrasalmus rhombeus.

Piranha nero
Red-eye Piranha

Presenta un corpo tozzo, di forma romboidale, fortemente compresso lateralmente; il dorso è notevolmente arquato; la testa è grossa ed appuntita; sulla fronte vi sono due coppie di grosse narici situate tra gli occhi; la bocca, grande e posta in posizione terminale, è dotata di mascelle robuste; la mandibola è decisamente più sviluppata della mascella superiore ed è armata da denti triangolari, molto robusti, i cui margini affilati coincidono con quelli dei denti nella mascella superiore, più piccoli ma ugualmente affilati; l'opercolo branchiale è dotato di un pre-opercolo articolato; il peduncolo caudale è sottile e ben distinto.
La pinna dorsale, trapezoidale, è sorretta soltanto da 14 / 18 raggi molli e presenta il margine distale molto arrotondato; dietro la pinna dorsale è presente una piccola pinna adiposa, di forma triangolare e con il margine distale arrotondato; la pinna caudale, dalla larga forma a delta, presenta il margine dritto o leggermente inciso e suddiviso in due lobi simmetrici dagli apici appuntiti; la pinna anale, trapezoidale e sorretta soltanto da 27 / 30 raggi molli, si estende su tutta la parte posteriore del ventre e presente i primi raggi leggermente più lunghi, a formare una specie di virgola; le pinne ventrali, piccole e di forma triangolare, sono poste avanti alla pinna dorsale; le pinne pettorali, trapezoidali, lunghe e strette, sono in posizione giugulare.
Vi sono notevoli differenze tra la livrea degli esemplari giovani rispetto a quella degli esemplari adulti.
Gli esemplari in livrea giovanile mostrano un color grigio argento chiaro, con leggeri riflessi verdastri, il dorso è cosparso da numerose macchie puntiformi, di color grigio antracite; il ventre è di color grigio argento; le pinne sono semi-trasparenti con riflessi verdastri.
Gli esemplari adulti sono, invece, di un color grigio argento scuro con leggeri riflessi azzurri o argentei; intorno all'opercolo branchiale è presente una specie di collare, di colore scuro, dietro l'opercolo branchiale è presente una puntinatura di color argento chiaro, più intensa sul ventre e vicino all'opercolo branchiale e più rada verso il dorso; la pinna caudale presenta il margine prossimale scuro, di color grigio argento, mentre quello distale chiaro, quasi trasparente; la pinna anale è di color grigio con il margine distale semi-trasparente; le altre pinne sono semi-trasparenti; molto tipico è l'iride dell'occhio, di color rosso fuoco, attraversato da una banda verticale di color nero.

Comportamento

Abita una svariata serie di biotopi, ma da adulto è particolarmente associato a canali fluviali più grandi e profondi dove si trova tipicamente a caccia in acque profonde o vicino alle rapide.
I giovani vengono ritrovati più spesso in aree più tranquille con una fitta vegetazione sommersa o marginale.
È interessante notare che i pesci tendono a variare la propria livrea, a seconda del tipo di acqua. Ad esempio, gli esemplari che sono stati raccolti in acque chiare, tenderanno ad essere più chiari rispetto a quelli raccolti in acque scure.


Allevamento

Il setup ideale per questo gigante è quello biotopico fluviale, in vasca da almeno 210x50x50cm cosi da adibire un minimo di layout e non tenere la vasca completamente spoglia.
La cosa fondamentale è che la profondita della vasca sia maggiore della dimensione del pesce in quanto, vista la sua notevole dimensione, con un acquario poco profondo (meno della sua lunghezza) può provocargli la "sindrome della coda accartocciata" in quanto la pinna caudale tende ad atrofizzarsi assumendo una posizione piegata per via del poco spazio, essendo costretta a stare spesso così.
Il fondo, composto prevalentemente da sabbia fine color ambra o marrone, deve essere cosparso di radici e rocce lisciate dall'acqua per non far mancare un discreto numero di ripari. Bisogna aver premura di lasciare abbastanza spazio libero per il nuoto nella parte centrale e laterale della vasca poiché è un pesce molto attivo.
La filtrazione deve generare una discreta corrente, l'ideale sarebbe inserire inoltre una pompa di movimento che crei un buon flusso e ricrei la naturale corrente dei fiumi; la luce non è un fattore determinante per il corretto allevamento di questo pesce ma una luce non troppo intensa può creare un ottimo colpo d'occhio. Per quanto riguarda la filtrazione in torba, questo dipende molto dalla zona d'origine del pesce e sopratutto se è di riproduzione o selvatico; si consiglia anche di effettuare regolarmente dei cambi parziali. Con il suo nuoto attivo, questo pesce può distruggere facilmente i riscaldatori interni quindi, il materiale tecnico deve essere tutto posizionato al di fuori della vasca.
La piantumazione non è fondamentale poiché potrebbe fungere da stuzzichino per l'appetito vorace di questo pesce. Anche le piante più coriacee rischiano di essere fatte a brandelli.
La qualità dell'acqua deve essere del massimo livello, il che significa che i cambi d'acqua settimanali, fino al 50% del volume totale, dovrebbero essere considerati obbligatori.
Si sconsiglia vivamente l'introduzione in vasca di qualsiasi altra forma di vita.


Riproduzione

Il dimorfismo sessuale di questo pesce è abbastanza difficile da individuare.
La femmina, in età riproduttiva, presenta un corpo leggermente più tozzo rispetto al maschio.
Non si hanno notizie certe di riproduzioni avvenute in cattività, se non il caso dello zoo di Duisburg, Germania, nel 1970, in un acquario da quasi 5000litri. In natura, durante il corteggiamento, i due riproduttori perdono la tipica colorazione assumendo un’insolita livrea nera.
La riproduzione avviene nella stagione invernale, tra novembre e aprile. Le uova, grandi e adesive, vengono incollate ad una radice sommersa e sono sorvegliate da entrambi i genitori fino alla schiusa, 9-10 giorni dopo. Sembra che il successo riproduttivo sia in relazione all’inondazione delle praterie e delle foreste dell’anno precedente, ma occorrono ulteriori studi per meglio comprendere il meccanismo.
Il maschio corteggia la femmina nuotando in cerchio. Questo dà luogo ad interazioni ventrali fra il maschio e la femmina.
Le uova sono deposte a grappoli in nidi di circa 4-5 cm di profondità e 15 cm di diametro.


Alimentazione

I pesci selvatici sono opportunisti, si nutrono di pinne e carne di altre specie così come di pesci più piccoli, insetti e crostacei. Sono stati anche registrati morsi nelle carcasse di animali morti, comprese quelle di esseri umani, sebbene i rapporti di attacchi a persone vive siano per lo più attribuiti all'aumento dell'aggressività durante la stagione riproduttiva.
In acquario, la maggior parte degli individui possono essere abituati al cibo morto nel corso del tempo, anche se alcuni sembrano rifiutare di nutrirsi inizialmente. Può essere necessario un periodo di fame, dando alla fine poca scelta al pesce se non accettare ciò che viene offerto. Ciò è particolarmente vero per gli esemplari più grandi o trasportati di recente.
Una volta acclimatati, i giovani gustano bloodworm vivi o congelati, Tubifex, Artemia salina, gamberi tritati e cibi simili. Gli adulti dovrebbero essere nutriti con alimenti di dimensioni proporzionalmente più grandi, come cozze intere, vongole, gamberi, calamari tritati, bianchetti e lombrichi. Una volta che il pesce raggiunge la taglia adulta, deve essere nutrito solo due o tre volte a settimana.
Questa specie non dovrebbe essere alimentata con grandi quantità di carne di mammiferi / aviaria come cuore di manzo o pollo. Alcuni dei lipidi contenuti in queste carni non possono essere adeguatamente metabolizzati dal pesce e possono causare depositi di grasso in eccesso e persino degenerazione degli organi. Allo stesso modo non vi è alcun vantaggio nell'uso di pesci "alimentatori" come i livebearers o piccoli pesci rossi che portano con sé il rischio di introduzione di parassiti o malattie e comunque tendono a non avere un alto valore nutritivo se non adeguatamente condizionati in anticipo.

Il serrasalmus rhombeus e' riconosciuto dagli appassionati come il Re dei Serrasalmus.
Bisogna prestare molta attenzione durante le fasi di manutenzione della vasca poiché, data la dentatura e le forti mascelle, un morso ben assestato può causare seri danni.
pH:

4.5 - 7.5

Durezza Totale:

5° - 10°dGH

Temperatura:

23°C - 28°C


 Dimensioni massime del pesce: 40cm - 45cm

Salmo rhombeus,
Serrasalmus niger,
Serrasalmo immaculatus,
Serrasalmo paraense,
Serrasalmus boekeri,
Serrasalmus normani,
Pygocentrus normani.

Sud America,
Questa specie è diffusa, sebbene la reale estensione del suo areale sia oggetto di dibattito, in Venezuela, Guyana, Suriname, Guyana francese, Colombia, Ecuador, Perù, Bolivia e Brasile in vari fiumi tra cui i Rio delle Amazzoni, Rio Orinoco, Rio Negro, Rio Xingú e Rio Araguia. Tuttavia ci sono prove che suggeriscono che potrebbe essere limitato alla Guyana con raccolte in altre località forse comprendenti altre specie.

Vuoi realizzare un favoloso acquario?

Sei alla ricerca di consigli, indicazioni, o hai solo bisogno di confrontarti? Non esitare a contattarci!