Semaprochilodus taeniurus.

Silver Prochilodus

Presenta un corpo compresso lateralmente, dalla forma romboidale; la testa grande, raccordata da un dorso ed un ventre convessi ed appuntiti; la fronte è leggermente concava; l'occhio è relativamente grande e posto in posizione centrale; davanti agli occhi vi sono due narici a fossetta con funzioni olfattive; la bocca, posta in posizione terminale e centrale, è caratterizzata da labbra carnose dotate di due serie di denti numerosi, relativamente piccoli, falciformi o spatolati attaccati a queste in modo mobile. Dopo la protrazione queste labbra formano un disco orale circondato da denti. Le due file di denti in ciascuna mascella sono separate in modo variabile l'una dall'altra in prossimità della sinfisi, ma convergono verso i margini laterali di ciascuna mascella.
La pinna dorsale è preceduta da una colonna vertebrale inclinata e biforcuta.
La livrea è molto particolare; il corpo è di un argento, ricoperto da grandi squame, con abbondanti cromofori scuri. Tutte le pinne sono di colore arancione rossastro, ma la coda, le pinne dorsali e anali hanno grandi strisce orizzontali nere. La testa e le branchie presentano screziature di colore rosso.
Nei pesci giovani, le pinne hanno una colorazione prevalentemente argentea, il colore arancione appare con l'età.

Comportamento

Il Semaprochilodus taeniurus è tra i più diffusi pesci di banco del Sud America. In natura migra su grandi distanze in enormi banchi a seconda della stagione, nutrendosi di detriti organici. Questa abitudine alimentare detritivora e la natura migratoria svolgono un ruolo importante nel mantenimento della struttura e delle dinamiche degli ecosistemi che popola poiché elabora grandi quantità di sedimenti organici mentre setaccia il fondale in cerca di cibo. Ha anche due stomaci, uno dei quali è pieno di fango per aiutare la digestione.
Ha abitudini prettamente migratorie difatti, nell'arco di un anno, migra almeno due volte.
Queste migrazioni sono sia dovute ad un fattore riproduttivo che alimentare.
Migra e si riproduce nei canali fluviali, ma si nutre principalmente nelle pianure alluvionali. Può anche essere trovato nei laghi delle pianure alluvionali (conosciuti localmente come "várzeas") e nei torrenti forestali.


Allevamento

Il setup ideale per questo vivace caracide è quello biotopico, in vasca da almeno 600 litri per poter ospitare non meno di 6 esemplari, con fondo composto prevalentemente da sabbia di fiume e limo, cosparso di rami e radici contorte, lasciando abbastanza spazio libero per il nuoto nella parte centrale e laterale della vasca.
La filtrazione deve generare una discreta corrente; la luce deve essere medio bassa. Infine si raccomanda la filtrazione in torba, per tenere un'acqua sempre acida dal colorito bruno.
L'acqua deve risultare molto ben filtrata, meglio se tramite un filtro esterno pressurizzato con la portata oraria di almeno tre volte la capacità dell'acquario; si consiglia anche di effettuare regolarmente dei cambi parziali.
La crescita delle alghe deve essere incoraggiata per permettergli di pascolarvi.
Questo pesce è molto tollerante verso le altre specie ma diventa molto aggressivo con i conspecifici se tenuto in coppia od in numero inferiore a 6 esemplari. Se non è possibile allestire una vasca in modo tale da contenere un numero abbastanza consistente di questi pesci, si consiglia di allevarlo "in solitaria" assieme ad altri pesci medio-grandi. I compagni di vasca adatti includono altri grandi Caracidi, Loricariidi, Doradidi, Ciclidi dall'indole pacifica, Apteronotus albifrons, Arowana e Razze d'acqua dolce. La vasca deve essere ben coperta, data la propensione al salto di questo pesce.


Riproduzione

Il dimorfismo sessuale di questo pesce è impossibile da individuare.
Non vi sono note su riproduzioni avvenute in cattività proprio per via del carattere migratorio del pesce. In natura, come detto in precedenza, migra 2 volte l'anno. Il primo evento è una migrazione riproduttiva all'inizio della stagione delle piogge, quando i pesci si spostano dagli affluenti e dai corsi d'acqua poveri di nutrienti, alle acque cariche di limo, più turbolente, vicino alle sorgenti dei fiumi per deporre le uova.
Possono percorrere diverse centinaia di chilometri e possono persino essere visti saltare attraverso le rapide in modo simile ai Salmoni. Dopo la deposizione, le uova fecondate vengolo lasciate andare alla deriva, sino a raggiungere, a valle, le pianure alluvionali ricche di nutrienti. Queste fungono da “vivai” perfetti per gli avannotti, dove possono reperire facilmente nutrimento e crescere.
Gli adulti, nel frattempo, tornano esattamente nello stesso affluente forestale allagato da dove sono venuti per nutrirsi per i 3-4 mesi successivi. Quindi migrano di nuovo nel mezzo della stagione delle piogge, spostandosi ancora una volta dagli affluenti a monte nei fiumi ricchi di sostanze nutritive, da dove possono raggiumgere molti affluenti diversi. Continuano questa attività fino a quando il livello dell'acqua non scende. Quando risale, i pesci depongono nuovamente le uova nella foce dell'affluente in cui si trovano attualmente.
È interessante notare che i pesci più anziani non intraprendano queste migrazioni.


Alimentazione

Anche se considerato onnivoro, questo pesce ha un'alimentazione quasi del tutto erbivora.
In cattività ha bisogno di molti nutrimenti vegetali quali spinaci sbollentati, cetrioli, lattuga, zucchine, wafer di alghe e similari. Accetta inoltre cibo secco e piccole quantità di Bloodworms.


Nei luoghi d'origine ha una grande importanza sia dal punto di vista ecologico che per quanto riguarda l'alimentazione umana.
Questa specie è distinguibile dalla molto simile S. insignis per la presenza di macchie scure sui lati che non sbiadiscono con la maturazione del pesce. Anche i giovani S. insignis mostrano queste macchie che vanno via via scomparendo con l'età.
pH:

5.5 - 7.5

Durezza Totale:

1° - 20°dGH

Temperatura:

23°C - 29°C


 Dimensioni massime del pesce: 27cm - 30cm

Curimatus taeniurus,
Prochilodus taeniurus,
Semaprochilodus taenirus,
Semiprochilodus taeniurus.

Sud America,
Diffuso in tutto il bacino centrale del Rio delle Amazzoni.

Vuoi realizzare un favoloso acquario?

Sei alla ricerca di consigli, indicazioni, o hai solo bisogno di confrontarti? Non esitare a contattarci!