Boulengerella maculata.

Marbled Gar

Presenta un corpo allungato e siluriforme; il dorso è leggermente arquato mentre il ventre è quasi piatto;la testa è grande ed appuntita; l'occhio, grande, è posto in posizione centrale; la bocca, posta in posizione terminale, molto allungata ed orientata leggermente verso il basso; nella mandibola interna e nella mascella, i denti sono mobili e di forma tricuspidea; il peduncolo caudale è largo, grande, ben distinto e di forma triangolare. La colonna è composta da 46/49 vetrebre.
La pinna dorsale, posta in posizione molto arretrata rispetto al centro del dorso, ha una forma quasi rettangolare ed è composta solo da spine rigide; alla fine del dorso è presente una piccola pinna adiposa; la pinna anale, di forma trapezoidale e sostenuta da una o 8/10 spine rigide, si estende sulla parte finale del ventre; la pinna caudale, dalla forma a delta, ha il margine posteriore leggermente inciso e diviso in due lobi dagli apici arrotondati; le pinne ventrali, di forma triangolare, sono poste in corrispondenza della pinna dorsale; le pinne pettorali, trapezoidali e con il margine obliquo e leggermente arrotondato, sono poste appena dopo l'opercolo branchiale.
La livrea è molto particolare: argento con riflessi verde smeraldo sul dorso; dall'opercolo al peduncolo caudale, si estende una linea scura, ben marcata; la parte medio dorsale, così come il dorso, è ricoperta da macchie scure delle dimensioni della pupilla. la parte superiore dell'iride è oro con riflessi rosso sangue, la pinna dorsale e la pinna caudale presentano lo stesso motivo di macchie del corpo; le altre pinne sono semi-trasparenti con riflessature bronzee. Il peduncolo caudale presenta una macchia scura di forma romboidale che va a sfumare nella pinna caudale.

Comportamento

Questo Caracide pelagico, popola i canali principali dei fiumi più larghi ed i loro affluenti, andando poi ad insediarsi nelle pianure alluvionali, paludi e laghi durante le inondazioni stagionali.
E' presente sia in acque scure che chiare e, gli individui più grandi, tendono ad occupare le zone centrali dei corsi d'acqua.
L'acqua è tipicamente acida, di trascurabili durezza e conduttività carbonatica, macchiata di marrone per la presenza di sostanze umiche rilasciate dalla decomposizione della materia organica. I maggiori banchi si trovano nelle zone dove la vegetazione ripariale è estremamente abbondante.
Sono pesci che vivono in banchi, spostandosi in maniera simultanea, sembrando un unico organismo. Il loro carattere è prettamente territoriale ma si spaventano facilmente dai movimenti inconsulti. Non attaccano i conspecifici e sono molto pacifici tra loro, in special modo con gli individui più giovani, mostrando un'attitudine alla protezione, nei loro confronti, molto elevata.


Allevamento

Il setup ideale per questo vivace caracide è in vasca da almeno 250cm per poter ospitare 4 - 8 esemplari, con fondo scuro composto prevalentemente da sabbia di fiume.
Il fondo deve avere pochi ingombri e la piantumazione del tutto inesistente.
Il setup deve essere allestito in modo da lasciare molto spazio libero per il nuoto e, essendo un pesce facilmente spaventabile, meno ostacoli ci sono e meno rischierà di ferirsi in caso di fughe. Per questo motivo anche il retro ed i lati della vasca devono essere coperti o con pellicole scure o con sfondi 3D, in modo da non spingere il pesce a sbattervi contro.
La filtrazione deve generare una moderata corrente. Infine la luce deve essere soffusa, possibilmente ridotta mediante l'inserimento di piante galleggianti del genere Ceratopteris. Infine si raccomanda la filtrazione moderata in torba, per tenere un'acqua sempre acida dal colorito leggermente ambrato.
L'acqua deve risultare molto ben filtrata ed ossigenata, meglio se tramite un filtro esterno pressurizzato con la portata oraria di almeno tre volte la capacità dell'acquario; si consiglia anche di effettuare regolarmente dei cambi parziali settimanali, dal 30 al 50% del volume, preceduti da una scrupolosa sifonatura del fondo per raccogliere i residui più grandi.
È molto sensibile alle fluttuazioni o al deterioramento delle condizioni dell'acqua e non dovrebbe mai essere introdotto in acquari biologicamente immaturi.
Data la quasi totale assenza di flora, si consiglia anche l'utilizzo di ossigenatori a pietra porosa.
Il coperchio della vasca deve essere ben aderente data la propensione al salto di questo genere.
I compagni di vasca ideali per questo pesce non devono essere troppo territoriali ed aggressivi nella lotta per il cibo, data la loro placida natura; si consigliano quindi esemplari di simili dimensioni di Geophagus o Acestrorhynchus, grandi Caracidi, Doradidi e Loricariidi.


Riproduzione

Il dimorfismo sessuale di questo pesce è impossibile da distinguere.
Non vi sono mai stati casi di riproduzione avvenuta con successo in acquario.
In natura non si hanno dati sufficienti per poter definire un rituale riproduttivo né sulla biologia riproduttiva stessa.


Alimentazione

E' un pesce predatore che si nutre, in natura, di piccoli pesci ed insetti. In cattività, gli individui più giovani possono essere alimentati con Bloodworm, piccoli vermi, gamberi tritati e simili mentre agli adulti andranno offerte strisce di carne di pesce, gamberi interi non troppo grandi, gamberetti, cozze, gamberetti di fiume vivi, lombrichi più grandi, ed insetti.
Insetti, quali i grilli, possono essere un ottimo pasto anche se è consigliato riempirgli lo stomaco con scaglie di pesce o materia vegetale prima di offrirglieli.
Come la stragrande maggioranza dei pesci predatori, anche la Boulengerella maculata, non dovrebbe essere alimentata con carne aviaria o di mammifero, come il cuore di manzo o il pollo, poiché alcuni dei lipidi contenuti in questi non possono essere adeguatamente metabolizzati dal pesce e possono causare depositi di grasso in eccesso e persino la degenerazione degli organi interni.


Predatore di superficie, allevabile con buoni risultati in vasche molto grandi. La specie viene catturata di notte, attirandola con le luci.
pH:

5.0 - 7.5

Durezza Totale:

1° - 12°dGH

Temperatura:

22°C - 28°C


 Dimensioni massime del pesce: 33cm

Xiphostoma maculatum,
Hydrocynus maculatus,
Xiphostoma taedo.

Sud America,
Proviene dai sistemi fluviali dell'Amazzonia, Orinoco e Tocantins con documentazioni anche in Ecuador, Colombia, Perù, Brasile e Venezuela.
Le popolazioni del Perù, dell'area intorno a Leticia, in Colombia e nel bacino del Rio Javari in Brasile differiscono per il numero di vertebre e squame laterali con pori rispetto a quelle provenienti dall'Amazzonia inferiore e da Río Orinoco.
La località di tipo è data semplicemente come "Rio delle Amazzoni, Brasile".

Vuoi realizzare un favoloso acquario?

Sei alla ricerca di consigli, indicazioni, o hai solo bisogno di confrontarti? Non esitare a contattarci!