Prionobrama filigera.

Glass Bloodfin Tetra

Il corpo è fusiforme ed allungato, schiacciato ai lati; la bocca è piccola e rivolta verso l'alto; la pinna dorsale è molto sviluppata in altezza; la pinna anale, che si estende su tutta la parte posteriore del ventre sino al peduncolo caudale, ha i primi raggi più lunghi dei successivi; la pinna caudale è fortemente bilobata.
La livrea è delicatamente colorata di azzurro chiaro, con riflessi argentei e con una fascia longitudinale turchese; le pinne sono quasi completamente trasparenti tranne la caudale che è di color rosso fuoco; il primo raggio della pina anale è bianco.

Comportamento

E' un pacifico pesce di banco che popola le zone alte dei corsi d'acqua di Ecuador, Colombia, Perù, Bolivia e Brasile.
Per la maggior parte del tempo nuota nella parte alta della colonna d'acqua, nella costante ricerca di insetti. Ha un nuoto molto guizzante e dinamico che gli permette di compiere ottimi balzi fuori dall'acqua per afferrare al volo piccoli insetti.


Allevamento

Il setup ideale per questa specie consiste nel piantumare pesantemente una vasca da almeno 120cm di lunghezza, facendo attenzione a non occupare troppo lo spazio centro-superiore della vasca per permettergli di nuotare liberamente.
Il substrato, per la maggiore composto di sabbia mista a ghiaietto sottile e materiale vegetale, deve essere piantumato con piante basse, in modo da creare delle zolle sparse di tappeto erboso. Radici e rocce serviranno per creare nascondigli nei rari momenti in cui i maschi potrebbero litigare se il numero del banco scendesse al di sotto dei 10 esemplari.
Non ha grandi pretese per quel che riguarda i valori dell'acqua ma necessita di una filtrazione in grado di ripulire eccellentemente l'acqua e di garantire una discreta ossigenazione.
L'illuminazione non è un brosso problema per questo pesce. In questo caso vale la regola che la quantità di luce deve essere direttamente proporzionale alla quantità di piante presenti in vasca.
Può essere introdotto in acquari biotopici di specie Sudamericane come altri Caracidi di dimensioni simili, Corydoras, Loricariidi più piccoli, Apistogramma, Mikrogeophagus e, se introdotti in una vasca di dimensioni adeguate, anche ciclidi leggermente più grandi come Scalari o Discus. Evita le specie più grandi e che nuotano velocemente, soprattutto quelle che occupano aree simili della vasca perché tende a stressarsi e ad impaurirsi se la competizione per lo spazio e per il cibo è troppo forte.
L'introduzione di sparute piante galleggianti o di ramificazioni sopra il pelo dell'acqua dovrebbero inibire abbastanza la sua voglia di saltare. La vasca, quindi, deve sempre essere ben chiusa.


Riproduzione

Il dimorfismo sessuale è abbastanza evidente durante il periodo riproduttivo dove la femmina sembra essere più gonfia nella zona addominale rispetto al maschio. Il maschio invece sviluppa una striscia scura sulla pinna anale, adiacente a quella bianca presente in entrambi i sessi. I maschi in ottima salute presentano inoltre pinne anale e dorsale nettamente più sviluppate.
In natura, durante la stagione delle piogge, questo pesce migra nelle zone di foresta allagate alla ricerca di possibili siti di deposizione. Normalmente depone dall'alto, lasciando cadere le uova tra la vegetazione, abbandonando la prole al proprio destino.
In cattività necessita di una vasca dedicata, spoglia di arredi, se non alcuni fili di Ceratophyllum in modo da nascondere le uova ai genitori, scarsa illuminazione ed un riscaldatore per tenere l'acqua tra i 26° ed i 30°C.
L'acqua deve essere morbida (GH tra 1 e 5) ed acida (pH tra 6.0 e 6.5), filtrata attraverso un piccolo filtro ad aria, passante per spugna, in modo tale che le bolle muovano leggermente l'acqua senza danneggiare i piccoli. Questo sistema potrebbe far sviluppare piccoli microorganismi che gli avannotti gradiranno sicuramente come primi pasti.
La riproduzione può essere spinta introducendo, nella vasca secondaria, la femmina evidentemente più piena di uova ed il maschio maggiormente colorato. Il periodo migliore è verso sera e, se tutto andrà per il verso giusto, la deposizione avverrà la mattina successiva.
Va introdotto molto cibo vivo in modo da deviare il più possibile l'attenzione della coppia dalle uova. A deposizione ultimata, la coppia riproduttrice va subito rimossa.
Gli avannotti usciranno dalle uova dopo 14-36 ore, a seconda della temperatura, e inizieranno a nuotare già dopo il terzo giorno. Andranno alimentati con Infusoria sino a quando non saranno abbastanza grandi da potersi nutrire di naupli di Artemia salina e piccoli anellidi.


Alimentazione

In natura si nutre principalmente di piccoli insetti, anellidi ed alghe. In acquario non disdegna cibo in scaglie o microgranuli ma deve essere alimentato regolarmente con Daphnia, Chyronomus, Cyclops ed altri piccoli invertebrati. Se la sua dietà sarà varia, mostrerà i colori in modo vivido e brillante.


Non è sempre stata una specie d'acquario popolare a causa della sua "trasparenza" e limitatezza di colori. La specie è molto resistente, vive diversi anni ed ha bisogno di pochissime attenzioni.
pH:

6.0 - 7.8

Durezza Totale:

0° - 30°dGH

Temperatura:

22°C - 30°C


 Dimensioni massime del pesce: 6cm

Aphyocharax filigerus,
Aphyocharax analis,
Bleptonema amazoni,
Paragoniates muelleri,
Aphyocharax analialbis,
Prionobrama madeirae.

Sud America,
Rio Paraguay, Argentina, Brasile del sud.

Vuoi realizzare un favoloso acquario?

Sei alla ricerca di consigli, indicazioni, o hai solo bisogno di confrontarti? Non esitare a contattarci!