Anostomus ternetzi.

Golden striped Headstander

Presenta un corpo siluriforme, molto allungato; la testa occupa tutta la parte anteriore del corpo; la bocca, piccola e posta in posizione terminale, è rivolta verso l'alto e presenta delle sfumatore rossastre o aranciate; l'occhio è relativamente grande; il peduncolo caudale è praticamente indistinguibile.
La pinna dorsale, di forma triangolare, è molto corta, sviluppata in altezza e termina con un piccolo lobo posteriore dal margine leggermente arrotondato; verso la fine del dorso è presente anche una piccola pinna adiposa; la pinna anale, posta in corrispondenza della pinna adiposa dorsale, ha una forma triangolare e termina con un lobo posteriore; la pinna caudale, dalla forma a delta, ha il margine leggermente bilobato e con gli apici arrotondati; le pinne ventrali, piccole e di forma triangolare, sono poste in corrispondenza della pinna dorsale; le pinne pettorali sono lunghe e sottili.
La livrea sul dorso è di un color verde oliva e sul ventre giallo crema, con leggere sfumature rosate; sul fianco sono presenti tre fascie longitudinali scure, marroni o nere; di queste, quella centrale passa sopra l'occhio mascherandolo; sul peduncolo caudale la riga centrale si allarga formando un triangolo seguito da due punti di color oro; le pinne sono semi-trasparenti con leggeri riflessi rosati.

Comportamento

Questo pesce è ampliamente distribuito nel sistema fluviale del Rio Orinoco in Brasile, Colombia, Venezuela e zone paludose costiere della Guyana, Suriname e Guiana Francese, Essequibo e Mazaruni compresi.
Vive in banchi numerosi e popola maggiormente i corsi d'acqua ricchi di rocce, dove può trovare acque veloci e ricche di ossigeno.
Anche se molto più pacifico rispetto agli altri appartenenti al genere Anostomidae, questo pesce può diventare irrequieto nel caso in cui il numero degli esemplari scenda sotto gli 8.


Allevamento

L'allestimento ideale per questa specie è una vasca con scarsissima vegetazione, molto resistente e robusta, un elevato quantitativo di rocce piatte ed una forte corrente d'acqua generata da ottimo sistema filtrante.
L'illuminazione deve essere forte, in grado di far crescere numerose alghe sulle rocce, che il pesce può brucare indisturbato. L'acqua deve essere tenera ed acidula, con inquinanti quasi del tutto assenti.
Essendo un pesce relativamente pauroso, le rocce dovranno fornire un adeguato numero di rifugi ed anfratti.
Non essendo particolarmente vorace con le piante decorative, può essere introdotto anche in acquari piantumati, basta fornirgli il giusto apporto di vegetali nella dieta quotidiana.
Può essere il compagno di vasca ideale di grandi Ciclidi, grandi Caracidi e Pesci Gatto.


Riproduzione

Il dimorfismo sessuale è assente.
Non si hanno notizie dettagliate sulla riproduzione in cattività di questo pesce.
In natura è noto che la coppia, dopo il rituale di corteggiamento, si apparti nella fitta vegetazione, per deporre le uova vicino alle radici delle piante acquatiche. Il maschio si occuperà della difesa del nido mentre la femmina ventilerà e manterrà pulite le uova.


Alimentazione

Si tratta di un pesce onnivoro con abitudini primarie da erbivoro. In natura si nutre brucando alghe e piccoli invertebrati dalle rocce.
In acquario non disdegna cibo vivo, secco o in scaglie. Si raccomanda un buon apporto di vegetali ed alghe nella sua dieta.


Non è colorato come il cugino Anostomus anostomus ma in confronto è molto più pacifico.
Il suo stile di nuoto è il medesimo, spostandosi in branchi, con gli esemplari inclinati di 45°.
pH:

5.8 - 7.5

Durezza Totale:

8° - 20°dGH

Temperatura:

24°C - 28°C


 Dimensioni massime del pesce: 16cm

Nessuno.

Sud America,
Brasile, Orinoco, Rio Araguaia, Rio Xingu.

Vuoi realizzare un favoloso acquario?

Sei alla ricerca di consigli, indicazioni, o hai solo bisogno di confrontarti? Non esitare a contattarci!