Distichodus decemmaculatus.

Distichodus nano

Questo caracide popola la zona centrale del fiume Congo e dei suoi affluenti. Ha un corpo allungato e compresso lateralmente, con occhi grandi e bocca leggermente rivolta verso il basso. La livrea di base è marrone chiaro tendente al verde con riflessi dorati. La pancia è bianca. Lungo la line alaterale, sono presenti dieci macchioline a forma di goccia. Nella zona tra la linea latereale e la pancia, sono evidenti delle scaglie bianche disseminate a mo di sfumatura. La pinna dorsale presenta inoltre una macchia nera. Vi è un'ulteriore macchia nera di forma triangolare nell'inserzione apicale della pinna caudale. Le pinne sono trasparenti con riflessi giallo dorato ed alcune striature più scure.

Comportamento

Il Distichodus nano è un pacifico e tranquillo abitante delle anse lente e ricche di vegetazione del fiume Congo e dei suoi tributari. Predilige le aree meno illuminate ed al riparo dalle forti correnti dominate dai predatori.


Allevamento

Il Distichodus nano predilige un fondale scuro, a grana da fine a media, cosparso di rocce e tronchi sommersi. La piantumazione deve essere molto abbondante, ricca di piante resistenti, poiché questo piccolo caracide è un formidabile brucatore. Si consiglia di far crescere abbondanti alghe sugli arredi per evitare che il pesce attacchi le piante ornamentali.
Ideale per vasche di comunità che ospitino Caracidi africani della stessa taglia, piccoli pesci gatto che non possano considerarli come cibo ed altri esemplari dall'indole pacifica e tranquilla.
L'allevamento di questo pesce non è difficile. Da inserire in gruppi di almeno 8 esemplari. Il movimento dell'acqua deve essere non troppo forte, così come l'illuminazione.


Riproduzione

Il dimorfismo sessuale è sconosciuto.
La riproduzione in acquario non è stata ancora documentata. Anche della riproduzione in natura si hanno pochissime informazioni. Si presuppone che, come la maggior parte dei caracidi, anche i Distichodus nani abbiano l'abitudine di deporre lasciando cadere le uova nel substrato, non curandosi più della prole.

Alimentazione

Questo piccolo caracide è prevalentemente erbivoro difatti, la sua dieta ideale è composta da alghe, vegetali in genere e piante acquatiche. In acquario accetta più che volentieri lattuga, spinaci, cerastio, crescione, fiocchi vegetali e pastiglie di Spirulina.


Il più piccolo e facile da allevare della sua specie, purtroppo è erbivoro ed attacca spesso e volentieri le piante presenti in acquario.
pH:

6.5 - 7.5

Durezza Totale:

5° - 20°dGH

Temperatura:

23°C - 27°C


 Dimensioni massime del pesce: 6cm

Nessuno.

Africa,
Bacino centrale del fiume Congo.

Vuoi realizzare un favoloso acquario?

Sei alla ricerca di consigli, indicazioni, o hai solo bisogno di confrontarti? Non esitare a contattarci!